Esame di Stato di Psicologia 2024

Esame di Stato Psicologia Pavia

Esame di Stato Psicologia Pavia

Link utili

Vai alla sezione del sito di Ateneo dedicata agli Esami di Stato unipv.it
(quando visiti il sito controlla però che sia quella più aggiornata, perché a volte vengono cambiati gli indirizzi, e verifica che non ci siano state modifiche ai calendari).

In aggiornamento per il 2024

::::

Se ti servono i link delle altre Università dove fare l’Esame di Stato o la Prova Pratica Valutativa

::::

qui trovi l’elenco delle Sedi EDS ⬅️

qui trovi l’elenco delle Sedi PPV ⬅️

::::

Nota importante!

Quando utilizzerai i link dei siti di Ateneo riportati,

controlla che la pagina in cui giungi sia quella più aggiornata,

ovvero relativa alla tua sessione,

perché spesso rimangono le stesse,

ma in alcuni siti ne vengono create di nuove

(io li verificherò periodicamente e cercherò di tenerli aggiornati il più possibile,

ma tienilo presente!).

::::

 

Tutte le tracce ufficiali che è stato possibile reperire dal sito dell’Università di Pavia.

Pavia 2015

Pavia 2016

Pavia 2017

Pavia 2018

Pavia 2019

 

Testimonianze raccolte Pavia 2020

“L’esame è suddiviso in due orali. Il primo della durata di circa 20 minuti dove ti chiedono di esporre teoria e caso clinico o progetto (o l’uno o l’altro), uno strumento e il codice deontologico. Sembrerebbe che se vai bene in questa prima parte la seconda sia una sorta di proforma di 5 minuti, altrimenti chiedono approfondimenti per 20 minuti”

“I commissari si erano presi appunti e facevano riferimenti precisi a ciò che era stato detto al primo orale chiedendo approfondimenti”

“Durante il primo incontro era stato detto di prepararsi un percorso a scelta che trattasse un costrutto e un progetto. Durante l’orale dipendeva molto dal commissario con cui capitavi. In genere hanno lasciato parlare a ruota libera ma spesso focalizzandosi molto sull’esperienza di tirocinio. Le domande fatte erano su quello e sui principi deontologici”

“L’esame è in linea con le linee guida, suddiviso in due colloqui. Nel primo colloquio si espone una teoria, uno strumento, un caso clinico o un progetto, e un principio deontologico possibilmente collegati tra loro (e possibilmente attinenti a quanto fatto durante l’esperienza di tirocinio). Nel secondo colloquio esposizione sui punti principali del tirocinio”

“Ogni commissario ha avuto un suo stile e modo di fare e le cose sono state un po’ diverse dall’uno all’altro.”

“Prima mi ha fatto elencare le cose di cui volevo parlare, dicendo che potevo organizzare i punti nell’ordine che preferivo, poi mi ha fatto esporre modello, strumento e codice. 

“Avevo portato un progetto di prevenzione ma mi ha chiesto invece il progetto di ricerca del mio tirocinio”

“Hanno fatto domande per esempio su affidabilità e validità dei test”

“Vuole molto ragionamento e applicazione pratica. A me ha fatto parlare della teoria, poi mi ha fatto una domanda di ragionamento interessante, poi mi ha chiesto uno strumento con una domanda anche lì pratica. Poi sono passata al caso con domande su intervento, invio, e attività svolte. Mi ha chiesto un articolo e fatto un’altra domanda di ragionamento”

 

Testimonianze raccolte Pavia 2021 (Prima parte)

“Mi è stata posta una domanda che nulla c’entrava con il mio percorso formativo e sull’esperienza di tirocinio (domanda da neuropsicologia, io laureata in psicologia clinica)”

 

Attenzione!!! Le testimonianze riportate sono solo una piccolissima parte delle migliaia di prove che si sono svolte! E ovviamente considera che sono assolutamente soggettive, a volte diametralmente opposte, per cui non scegliere la sede esclusivamente sulla base di queste! 

Alcuni commissari tendono a mantenere una certa impostazione, ma tieni presente che possono sempre improvvisare: non ci sarà mai un esame in modalità telematica identico a un altro!

Può sì essere utile sapere come è stata una commissione nelle scorse sessioni, ma si deve comunque avere una conoscenza di base necessaria per adattarsi alle specifiche richieste dei commissari al momento della tua prova!

Leggi quelle di tutte le sedi, non solo quelle di dove pensi di fare l’esame, così avrai una panoramica più ampia!


Puoi contattarmi per ulteriori delucidazioni sulle varie commissioni e per un percorso di preparazione personalizzato, in particolare per la preparazione del discorso sul tirocinio!

L’Esame di Stato di Psicologia è una prova da superare per ottenere l’abilitazione necessaria per potersi iscrivere all’Albo degli Psicologi, e quindi per poter svolgere la professione. Adesso si svolge anche la cosiddetta “Prova Pratica Valutativa” (PPV). Burocraticamente è una cosa distinta, ma a livello di contenuti non presenta praticamente differenze dall’attuale Esame di Stato (EDS). Ciò si è potuto confermare dalle sedi che hanno già iniziato e terminato le prime sessioni di PPV. Detta in breve, la Prova Pratica Valutativa è l’Esame di Stato con un altro nome, ed è riservata a coloro che hanno svolto il cosiddetto Tirocinio Pratico Valutativo.
 Quasi tutte le indicazioni e riflessioni sull’EDS presenti nel Quaderno varranno quindi anche per la PPV, e quando nominerò l’Esame di Stato sarà sottinteso che mi sto riferendo anche alla Prova Pratica Valutativa. Sitemap