Esame di Stato di Psicologia 2024

Seconda Prova​ - Esame di Stato di Psicologia

Seconda Prova dell’Esame di Stato di Psicologia, progetti

AVVERTENZA!!!

Il testo seguente si basa su quanto era l’esame in passato,

e si riferisce a PRECEDENTI EDIZIONI

e alla PRECEDENTE NORMATIVA!!!!!!!!!

Le lascio solo A TITOLO DI ESEMPIO!!

 

Le informazioni AGGIORNATE le puoi trovare

nella NUOVA EDIZIONE del Quaderno di Preparazione!

 

TIPI DI PROGETTI DELLA SECONDA PROVA

– Nel manuale trovi l’elenco dei concetti fondamentali delle tracce uscite per la seconda prova. In alcuni casi sono riassuntini molto sintetici con semplici parole chiave, in altri un po’ più specifici: questo fa notare che c’è una grande variabilità tra i modi in cui le commissioni possono porre le loro richieste. Generalmente viene indicata la problematica oggetto di interesse con una breve descrizione della situazione, ma le tracce sono molto diversificate: a volte il focus viene posto sui soggetti, altre volte sul contesto; alcune indicano solo l’argomento di base, altre anche che tipo di progetto vogliono sia svolto. Nelle tracce proposte l’argomento del progetto viene quasi sempre nominato; invece, non sempre viene esplicitata la tipologia di progetto richiesta: a volte è sottintesa, oppure è lasciata a propria discrezione (per esempio come problematica potrebbe essere indicata la dipendenza da sostanze, ma non venire specificato se si debba fare un progetto di prevenzione).

– Per chi è poco pratico di progetti, le nomenclature utilizzate possono essere molto confusive: in caso per ora dacci solo una letta, e poi rivediti questo elenco dopo aver approfondito gli schemi.

(…)

 

GENOVA

2015 progetto finalizzato alla prevenzione del disagio psicologico, in un ambito a scelta tra i settori educativo, clinico, del lavoro, o di comunità; progetto di intervento psicologico finalizzato alla promozione dell’inclusione sociale e alla riduzione del pregiudizio e di comportamenti discriminatori in un contesto a scelta (educativo, lavorativo, sanitario, di comunità)

2016 sostegno alle funzioni genitoriali e parentali; prevenzione del disagio psicologico

2017 conservazione/potenziamento delle capacità mnestiche residue in un gruppo di ottanta over 70 autosufficienti ospiti di una struttura per anziani; prevenzione o sostegno o riabilitazione in caso di dipendenza dalle nuove tecnologie (ad esempio Internet); realizzazione di servizi e interventi complessi di sostegno a nuclei familiari in situazioni di disagio al fine di ridurre il rischio di maltrattamento e conseguente allontanamento dei minori dalla famiglia

2018 progetto multidiciplinare di promozione del benessere (in un ambito a scelta tra: famiglie in presenza di componenti con disabilità; gestione di situazioni conflittuali in un’organizzazione complessa; prevenzione di comportamenti a rischio tra gli adolescenti; contrasto all’isolamento sociale delle persone anziane); progetto concretamente realizzabile (a scelta tra: sostegno e trattamento nei casi di violenza domestica; prevenzione dell’abuso di sostanze da parte degli adolescenti; promozione della capacità genitoriale e del benessere nei primo anno di vita del bambino; sostegno ai percorsi adottivi e al benessere familiare anche successivi all’adozione; avvio al lavoro)

2019 prevenzione e contrasto alla violenza di genere; prevenzione e contrasto al drop-out/abbandono scolastico; prevenzione e contrasto alle nuove dipendenze

(…)

 

Schemi della seconda prova

– Cosa possono chiederti in seconda prova? Spesso si dice che la seconda prova consista nella stesura di un progetto. In realtà, ciò non è molto corretto: per redigere un progetto vero e proprio non basterebbero due ore, e servirebbero informazioni e conoscenze molto più specifiche e approfondite. Quello che solitamente viene richiesto è piuttosto la stesura di una “bozza”, che comprenda gli elementi principali attorno ai quali si potrebbe strutturare un ipotetico progetto “reale”.

– La difficoltà principale di questa prova è che la confusione regna sovrana per molteplici aspetti. Per esempio potresti trovare “discussioni” su cosa si intenda per teorie, modelli, modelli teorici, modelli di riferimento, attività, tecniche specifiche e trasversali, strumenti, ecc… Questo perché non c’è una terminologia univoca a cui fare riferimento, e ognuno interpreta a modo suo.
– Per questo ti invito a recuperare informazioni dai testi che hai a disposizione, e cercare di farle tue. Ti consiglio anche di prepararti un file a parte dove fare ordine con schemi e riassunti.

– Intanto vediamo di iniziare a chiarire qualcosa.

(…)

 

SCHEMA 6 

Il candidato individui un contesto specifico di riferimento in cui sviluppare un progetto di sostegno alla genitorialità, descrivendo specificamente i seguenti elementi fondamentali: 

– specifiche problematiche del gruppo a cui è rivolto l’intervento; 

– la finalità e gli obiettivi dell’intervento; 

– la metodologia prescelta; 

– la composizione dell’equipe coinvolta nel progetto; 

– i risultati attesi e la verifica dell’efficienza dell’intervento;

– le implicazioni deontologiche connesse alla fase progettuale e di conduzione dell’intervento.

(…)

 

SCHEMA 10

Il sindaco decide di rivolgersi per una consulenza ad uno Psicologo e gli chiede di presentare un progetto con il quale si possano promuovere e rinforzare le condizioni di benessere dei cittadini del suo comune con un’età compresa fra i 50 e i 70 anni. 

Il candidato/a illustri in sintesi il proprio progetto tenendo conto della seguente traccia: 

– Individuare, nell’obiettivo generale, un’attività da proporre in risposta alla richiesta del sindaco 

– Indicare l’ obiettivo specifico che si intende raggiungere con tale attività; 

– Descrivere brevemente l’attività, evidenziando in particolare la metodologia impiegata con eventuale riferimenti alla letteratura; 

– Indicare i tempi del progetto; 

– Indicare le risorse umane, materiali ed economiche da impiegare; 

– Indicare i criteri e le modalità per la valutazione del progetto; 

– Sulla base dei dati emersi accennare una restituzione al sindaco sul progetto. 

(…)

 

Elenchi dei contenuti di seconda prova 

– I prossimi elenchi contengono una varietà di argomenti che possono riguardare i progetti. Alcuni li hai già visti nella seconda sezione come tracce uscite per le varie sedi, qui sono raccolti come parole chiave e suddivisi per ambito.

(…)

 

SVILUPPO

❏ ❏ ❏ Adozioni 

❏ ❏ ❏ Affidi 

❏ ❏ ❏ Aggressività in classe 

❏ ❏ ❏ Bisogni educativi speciali 

❏ ❏ ❏ Bullismo 

❏ ❏ ❏ Competenza genitoriale 

❏ ❏ ❏ Comportamenti a rischio in adolescenza 

❏ ❏ ❏ Cyberbullismo 

❏ ❏ ❏ …

 

CLINICO (E DI COMUNITÀ)

❏ ❏ ❏ Aggressività 

❏ ❏ ❏ Ansia 

❏ ❏ ❏ Autolesionismo 

❏ ❏ ❏ Benessere degli anziani 

❏ ❏ ❏ Carcere e detenuti 

❏ ❏ ❏ Condotte a rischio 

❏ ❏ ❏ …

 

LAVORO

❏ ❏ ❏ Analisi organizzativa 

❏ ❏ ❏ Assenteismo 

❏ ❏ ❏ Avvio al lavoro 

❏ ❏ ❏ Benessere organizzativo 

❏ ❏ ❏ Bilancio di competenze 

❏ ❏ ❏ Burnout 

❏ ❏ ❏ Cambiamento organizzativo 

❏ ❏ ❏ Campagna di marketing 

❏ ❏ ❏ Cassa integrazione 

❏ ❏ ❏ Clima aziendale 

❏ ❏ ❏ …

 

SPERIMENTALE

❏ ❏ ❏ Afasia 

❏ ❏ ❏ Agnosia 

❏ ❏ ❏ Allucinazioni 

❏ ❏ ❏ Amnesia 

❏ ❏ ❏ Atassia 

❏ ❏ ❏ Coma 

❏ ❏ ❏ Decadimento delle capacità mnestiche 

❏ ❏ ❏ Deficit delle funzioni esecutive 

❏ ❏ ❏ …

 

– Nota per modalità telematica. Alcuni commissari propongono letteralmente un “mini progetto” da svolgere, a volte inventandolo di punto in bianco, a volte prendendo spunto da quello che stai raccontando. Quindi è bene sia avere delle conoscenze di progettazione fondamentali, sia saperle collegare adeguatamente al proprio tirocinio.

 

… Continua sul Quaderno di Preparazione

 

– Vai alla Terza Prova dell’Esame di Stato di Psicologia